Il software libero nella pubblica amministrazione

Gli ultimi dieci anni hanno visto una vera e propria rivoluzione nell’ambito del software libero, comunemente detto open source. Innumerevoli progetti hanno raggiunto la maturità mettendoci a disposizione software di standard qualitativo elevato a costo zero. Un’ottima opportunità di risparmio anche per le pubbliche amministrazioni.

A livello istituzionale qualche segno di movimento in questo senso si sta manifestando. In Europa l’attenzione per l’open source è alta. La Gran Bretagna ha reso obbligatorio l’open source per le pubbliche amministrazioni, in Francia si privilegia l’open source nelle gare d’appalto pubbliche e in Germania è in atto un processo di cambiamento che rivendica il software libero come preciso dovere dello Stato democratico.

Anche in Italia le cose si stanno lentissimamente muovendo, per ora principalmente a livello regionale. La Regione Sardegna, che ha avuto come presidente un informatico, è la prima ad avere un Ddl per il passaggio obbligatorio all’open source.

Esistono leggi regionali per il pluralismo informatico e l’adozione di standard aperti in Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto, mentre a livello locale non sono a conoscenza di realtà istituzionali che abbiano già implementato il processo di passaggio al software libero.

Il software libero si differenzia da quello proprietario in quanto mette a disposizione non solo i programmi ma anche il codice che li genera (codice sorgente), promuovendo lo studio e la modifica del codice al fine di inserire nuove funzionalità o correggere eventuali errori. Nel modello proprietario le cose funzionano diversamente: il produttore vende software mantenendone l’esclusivo accesso al codice, quindi mantenendone di fatto la proprietà. Viene venduta una licenza di utilizzo, ma l’acquirente non ha la possibilità di modificare autonomamente il programma, né di verificarne l’ ingegneria, semplicemente perché non ha accesso al codice sorgente.

Il fornitore mette il lucchetto e ne tiene le chiavi. Qualsiasi modifica deve conseguentemente passare attraverso di lui e alle sue condizioni.

Nel modello open source il codice viene pubblicato e messo a disposizione di altri utilizzatori, che possono implementare nuove funzioni e a loro volta ripubblicarlo documentando le modifiche apportate, mettendo in moto un circolo virtuoso che apporta miglioramenti in maniera ricorsiva.

In termini concreti questo significa che se ad esempio l’ospedale H sviluppasse un software per la gestione delle cartelle cliniche del reparto di medicina, potrebbe metterlo a disposizione degli altri ospedali. Se all’ospedale K servisse un programma per le cartelle cliniche di cardiologia, avrebbe il software di base già disponibile a costo zero e non dovrebbe far altro che sviluppare un modulo per le funzionalità specifiche di cardiologia, che rimetterebbe a sua volta a disposizione degli altri ospedali. Questo meccanismo permetterebbe un enorme risparmio di risorse economiche.
Si tratta a mio avviso di un modo intelligente di tagliare le spese, di avere standard comuni e un buon livello di compatibilità tra i sistemi.

Il software libero aiuta a risolvere anche molti altri problemi, come la portabilità dei documenti informatici. Per i documenti informatici esistono standard internazionali che troppo spesso non sono implementati nel software proprietario, o lo sono solo in parte. Anche dal punto di vista della sicurezza, i sistemi operativi open source (dei quali Linux è il più diffuso) sono praticamente immuni da virus informatici. Rendere più sicuri i singoli calcolatori significa rendere più sicura l’intera rete, a livello locale e a livello globale.

I vantaggi insomma sono molteplici e certamente non si esauriscono a quelli qui elencati. Anche ai fini educativi l’open source per scuole offre svariati strumenti di grande valore pedagogico. All’ allievo della scuola elementare come al ricercatore universitario. Ed è proprio nelle università, dove c’è maggiore cultura e maggiore innovazione, che l’open source ha preso piede nel nostro Paese, mentre nella scuola primaria e secondaria questo tipo di evoluzione è affidata al genio di qualche raro singolo docente.

Per la produttività da ufficio esistono suite libere (la più diffusa è Libre Office) di ottimo livello qualitativo , aderenti agli standard internazionali e gratuite, ma molto spesso non vengono utilizzate, a volte semplicemente perché gli amministratori pubblici ne ignorano l’esistenza.

Un fiume di milioni di euro viene speso in software proprietario, spesso per avere le stesse funzionalità messe a disposizione dall’open source a costo zero. Dagli uffici dei comuni agli uffici di polizia, ai tribunali, agli ospedali, alle scuole, il meccanismo attuale di gestione delle risorse software è contrario ad ogni regola di economicità e trasparenza e condivisione. Sarebbe importante che i nostri amministratori, almeno quelli più attenti ai cambiamenti, ne prendessero coscienza.


Questo testo è stato scritto con software libero su un sistema operativo libero.